Peppe e Francesco vivono la vita a diretto contatto con la criminalità: sono due poliziotti di Napoli e lavorano nella sezione Falchi. Il loro ufficio è la strada, si muovono sempre in coppia e rigorosamente in borghese, perché non devono farsi notare. Si spostano agilmente tra i vicoli della città grazie alle moto e sono specializzati nella criminalità di strada.

La loro storia sarà raccontata al cinema dal 2 marzo, grazie alla regia di Toni D’Angelo, ma scopriamo qualcosa di più sui protagonisti di Falchi.

 

 

Beppe e Francesco

La sezione dei Falchi è nata come specializzata nell’antiscippo, con il preciso compito di combattere i crimini da strada. Peppe e Francesco sono testimoni della vita sotterranea di Napoli, un’esistenza alternativa contro cui combattono quando sono in servizio, ma che non riescono a contrastare nella loro vita privata.

falchi il film

Peppe è il poliziotto anziano, si muove con sicurezza e decisione, è un uomo saggio ma anche molto solo. Il suo passatempo diventa quindi una attività illegale: l’addestramento di cani da combattimento.

Francesco invece non regge più la pressione del lavoro e, ben presto, trasforma la sua vita in un viaggio solitario. Soffre di attacchi di panico e prova a combatterli con antidepressivi e droghe, sperando che il problema si risolva da solo.

I Falchi a lavoro

I protagonisti del film affrontano il lavoro con successo, guardano in faccia la criminalità di Napoli senza paura. Sono poliziotti e credono nella giustizia, agente di polizia che accettano di immergersi nel marcio della città per contrastare il crimine dilagante.

Al di fuori del lavoro ci sono le ripercussioni di questo modo di vivere. Scopri gli eroi che si muovono oltre la legge al cinema dal 2 marzo con Falchi.